La Casa Giusta incontra i ragazzi del Liceo Cicerone-Pollione di Formia

Si è svolto ieri, 26 ottobre, l’incontro al Liceo Cicerone-Pollione di Formia per parlare di Beni Confiscati alla Criminalità Organizzata e riuso sociale, solidale e sostenibile degli spazi restituiti alla comunità.
A parlare ai ragazzi Simmaco Perillo, presidente della Coop. “Al di là dei Sogni”, e Federica Marciano, presidente della Coop. “Alternata Si.Lo.S”, capofila del progetto La Casa Giusta di Formia.

Per dirla con le parole di Simmaco Perillo, che ha portato ai ragazzi la testimonianza dell’importante realtà costruita nel bene confiscato “Alberto Varone” di Maiano di Sessa Aurunca “Non vogliamo e non dobbiamo stare senza pensieri, noi vogliamo e dobbiamo stare preoccupati: le nostre sono forme di ri-Esistenza”.

La Marciano ha poi spiegato ai ragazzi l’importanza e il valore della partecipazione attiva all’interno del bene confiscato del Comune di Formia.
“La Casa Giusta di Formia è un bene comune, è un bene restituito ad una comunità, ad una collettività: essere partecipi e coinvolti tutti è la sfida da assumersi insieme. L’invito? Venite ed utilizzate il bene che non è della cooperativa ne tanto meno degli enti gestori ma di tutti voi, noi,cittadini e cittadine dei territori. La sfida più grande? Avere nella casa tante anime con diverse passioni e professionalità che si occupano di lotta alle esclusioni prendendosi carico di persone migranti, persone con disabilità o con disagio psichico ma che si occupano anche di cultura e partecipazione attraverso teatro, musica ed eventi.”

La giornata è terminata grazie al laboratorio di “Libri In Scultura” condotto da Anna Musico dell'”Ass. Arte e Mestieri – Amici del Golfo” con il supporto di Barbara Sartori dell’Ass. “Terra Prena Lazio”, entrambi partner del progetto La Casa Giusta.

Grazie all’istituto, ai professori e ai ragazzi che hanno organizzato, aderito e partecipato con entusiasmo e passione. E grazie a tutti coloro che hanno preso parte all’iniziativa tra memoria, diritti e legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *